una storia di natale

M: “E’ ora di mettersi in cammino, avete trovato niente?”
G: “Sarà anche il suq più fornito della Mesopotamia, ma per i bambini c’è davvero poco.”
B: “Io ho preso un braccialetto d’oro.”
M: “Un classico. E tu, Gaspare?”
G: “Gli ho comprato dell’incenso.”
B: “Incenso? E ti sembra un regalo adatto a un bambino?”
G: “Ma hai sentito dove vivono? In una stalla! Hai idea della puzza che ci dev’essere? Vedrai se apprezzeranno di più il tuo oro o il mio incenso!”
B: “E tu, Melchiorre, cos’hai comprato?”
M: “Ho trovato un banchetto là dietro che vende prodotti biologici, gli ho preso della mirra.”
G: “E ti pareva che non faceva il pazzesco! L’avrai pagata una fortuna!”
M: “E’ tutta roba naturale, senza pesticidi. Beh, si, è un po’ cara, ma la qualità si paga.”
B: “Melchiorre se lo può permettere, viene da una famiglia di nobili.”
M: “Cosa vuol dire? Veniamo tutti da famiglie nobili, non ci chiamiamo mica Magi Metalmeccanici!”
B: “Si, ma la tua famiglia è sempre stata quella più ricca, dai. Lo sanno tutti.”
M: “Scusa, non ho capito. Cosa c’entra la mia famiglia adesso?”
B: “Ma si, siete sempre stati quelli eccentrici, gli anticonformisti.. Mica per niente ti hanno chiamato Melchiorre, voglio dire.”
M: “Embè? Tu ti chiami Baldassarre!”
B: “Ma Baldassarre è un nome normale! Che razza di genitori chiamerebbero il loro figlio Melchiorre? Poi per forza che viene su strano!”
M: “Io non sono strano! Come ti permetti?”
G: “Ragazzi basta! Piuttosto, la sapete la strada?”
M: “Mio cugino mi ha spiegato che bisogna attraversare il deserto fino ad Aqaba, poi svoltare a destra.”
B: “Tuo cugino Garmin, dici? Stiamo freschi allora! Una volta si è perso al mercato!”
M: “Oh! Prima i miei genitori, adesso mio cugino, si può sapere cosa vuoi da me?”
B: “Cosa voglio io? Cosa vuoi tu piuttosto! Mi hai convinto a prendere ferie per venire con voi a fare le vacanze in Giudea, sole e figa in quantità, e adesso salta fuori che si va ad adorare un bambino! Chi è questo bambino, cosa c’entriamo noi con questo bambino?”
M: “Come sarebbe chi è? È il Messia! L’hai letto il tuo contratto quando sei stato assunto? In caso di nascita di Messia i Re Magi sono tenuti a fargli visita e omaggiarlo con doni, è scritto nelle clausole! O credevi di cavartela scrivendo un paio di oroscopi alla settimana?”
B: “E chi l’ha detto che è il Messia? Cos’ha, un cartello appeso fuori dalla stalla?”
G: “Una stella.”
B :“Che stella?”
G: “La sua stella, ma come ci sei diventato remagio?”
M: “E glielo chiedi ancora? Non lo conosci Hussein di Baghdad?”
G: “Il re? E cosa c’entra con lui?”
M: “Diglielo, Baldassarre.”
B: “Basta con questa storia! Mio zio non c’entra niente, sono entrato alla scuola zoroastriana lavorando sodo e senza raccomandazioni!”
M: “Si, certo. E il posto da astrologo di corte l’hai ottenuto attraverso un concorso.”
G: “Non si fanno i concorsi per diventare astrologo di corte, lo sanno tutti. È un posto che si tramanda da padre a..”
M: “Eccallah!”
B: “Basta con queste fandonie! Ditemi piuttosto da che parte dobbiamo andare, prima adoriamo il bambino e prima possiamo andare in spiaggia!”
M: “Mio cugino dice che è tutta dritta fino al mare, bisogna seguire le indicazioni per Sharm El Sheikh.”
B: “Bel posto, ci sono stato l’anno scorso con la tipa.”
G: “La fenicia? Com’è che si chiama?”
B: “Ariene.”
G: “Ah si, bella topa, se mi permetti. State ancora insieme?”
B: “No, ci siamo lasciati il mese scorso.”
M: “Uh che peccato! E come mai?”
B: “Guarda, non mi va di parlarne, ti spiace?”
M: “No no, ci mancherebbe, scusami.”
B: “…”
M: “…”
G: “…”
M: “..Certo, adesso è tutto più chiaro..”
B: “Cosa?”
M: “La faccenda delle vacanze in Giudea, dico. Se stessi ancora con lei non avresti accettato.”
G: “In effetti mi stavo proprio chiedendo come mai ti lasciasse partire.”
B: “La volete smettere? Ho detto che non mi va di parlarne!”
M: “Vedrai che te la faremo dimenticare in fretta!”
G: “Si, ho sentito che le giudee fanno certi lavoretti..”
M: “Chiodo schiaccia chiodo!”
B: “Basta!”
M: “Scusa.”
G: “Scusa.”
B: “…”
M: “…”
G: “…”
B: “Che lavoretti?”
G: “Eh?”
B: “Le giudee.”
G: “Ma niente, roba che ho sentito da un amico, stupidaggini.”
B: “Eh.”
G: “No, è che dicono che siano brave, tutto lì.”
B: “Brave a fare cosa?”
G: “Ma lo sai, quelle robe che si raccontano.. lo sai, no?”
B: “E no che non lo so, sennò non te lo chiedevo. Che robe?”
M: “Hai mai sentito parlare di Sodoma e Gomorra?”
B: “Minchia! Quelle Sodoma e Gomorra?”
G: “Sono poco distanti da dove andiamo noi.”
B: “Ma sapevo che le avevano chiuse.”
M: “Si, ma lo sai come vanno queste cose, una volta che si crea il giro..”
G: “Diciamo che tutta la regione ha mantenuto un certo.. gusto per la trasgressione.”
M: “Insomma, se uno sa dove cercare..”
B: “E noi lo sappiamo?”
G: “Abbiamo un paio di indirizzi”
B: “Ma grandi! Allora è deciso, eh? Si va a salutare il ragazzino e via! Non è che ci dilunghiamo, eh?”
M: “Tranquillo, facciamo una visita di cortesia, molliamo i doni e ce ne andiamo.”
B: “Un paio di preghiere, due inchini.. Mezz’ora e siamo fuori?”
G: “Capirai, in una stalla. Mezz’ora sarà tanto, venti minuti e chi s’è visto s’è visto!”
M: “E poi quindici giorni di lussuria sfrenata!”
B: “Sole, mare e figa!”
G: “Che gran lavoro fare i re magi!”
B: “Oh, raga! Che ne dite se l’anno prossimo prevediamo l’arrivo di un altro Messia?”
M: “Mmm, dici che si può fare?”
B: “E che ci vuole? L’astrologo di corte può fare tutte le previsioni che gli pare.”
G: “Ma sai che non è una cazzata? Arriviamo in questo posto.. com’è che si chiama?”
M: “Betlemme.”
G: “Betlemme. Facciamo l’adorazione come va fatta..”
B: “Breve.”
G: “Certo, brevissima. Poi quando torniamo indietro, fra due settimane, diciamo che le stelle si sono sbagliate.”
M: “Le stelle?”
G: “Eccerto! Vuoi mica dire che ci siamo sbagliati noi? Che razza di astrologi saremmo? Si sono sbagliate le stelle, quello non era il Messia vero, e l’anno prossimo prevediamo un’altra nascita in un altro posto. Come la vedete Ibiza?”
M: “Ma le stelle non si possono sbagliare, dai!”
G: “Una congiunzione astrale negativa ha occultato la visione, checcazzo ne so! Diamo la colpa ad Angra Mainyu, tanto gira che ti rigira c’è sempre lui di mezzo. Semmai ce lo facciamo confermare dall’astrologo di corte.”
B: “Io?”
G: “No, tua madre. Certo che parlo di te, sei l’astrologo più importante del regno, la tua parola varrà qualcosa o no?”
B: “Si, beh.. certo.. è che non so se è il caso di tirare troppo la corda.”
M: “Baldassarre, stiamo parlando di Ibiza, la perla del Mediterraneo!”
G: “Viaggio e soggiorno a spese del regno!”
M: “Se le giudee ti attizzano pensa a cosa devono essere le spagnole!”
B: “Ragazzi, siete due diavoli!”
M: “Tre diavoli, collega!”
G: “Ma che diavoli! Siamo i re magi!”
M: “Andiam, andiam, andiamo ad adorar!”

(si allontanano fischiettando)

Pubblicato da

spassky

Pablog è l'identità segreta di uno scrittore premiato con un paio di nobel alcuni anni fa, ma di cui non si vanta in giro perché il primo l'ha ricevuto per un disguido postale e il secondo come riconoscimento per aver restituito il primo al suo legittimo proprietario. Però un giorno ne riceverà uno per il suo lavoro, ne è certo. Solo che sarà il nobel per la medicina.

3 pensieri su “una storia di natale”

E dimmelo, dai, lo so che ci tieni