L'ESTA ti tenta tre volte tanto

Ochei, ho pagato l’Esta, che sarebbe quella tassa che devi pagare se vuoi andare negli Stati Uniti per turismo, e insieme ho compilato il breve questionario che serve ai funzionari della dogana per inquadrarti meglio: “Vuoi venire negli Stati Uniti per commettere genocidi?”, “Sei appestato?”, “Hai intenzione di restare qui a fare un cazzo a spese dello stato?”, se rispondi no a tutte le domande puoi pagare quattordici dollari, ma ti avvisano che una volta arrivato là potranno decidere comunque di rispedirti a casa tua, metti che ti presenti alla dogana dell’aeroporto con una maglietta raffigurante la mamma del doganiere con un grosso vibratore fucsia infilato in gola. Non lo so dove l’hai comprata, ma hai l’aspetto di uno che potrebbe avercela una maglietta così, e metti che la stai indossando proprio il giorno del tuo arrivo al JFK. Potresti incorrere in fastidiosi grattacapi.

Io una maglietta così non ce l’ho, credo che ti lascerò sbrigare tutte quelle noiose formalità che richiedono le braghe calate e un guanto in lattice, e mi fionderò nella caotica vita della metropoli.

A New York voglio vedere:
* Il Flatiron Building * La casa di Martin Mystère * Il Palazzo della Marvel * Quello della DC * La panchina di Manhattan * Il ristorante dove pranza sempre Kingpin * La caserma dei vigili del fuoco di Ghostbusters * Il MOMA * La Statua Della Libertà * Il museo di Ellis Island * Il luna park fantasma di Coney Island * La portaerei, che va bene contro la guerra, ma un bestione così chi l’ha mai visto * Il graffito di Joe Strummer * La sede di Tumblr * Il Palazzo Di Vetro * Il Metropolitan Museum * Il più grande negozio di fumetti della città..

Insomma, per me New York è prima di tutto cinema, fumetti e cazzate, perciò voglio dedicare la mia visita a queste tre cose prima di tutto il resto. Poi certo, i musei, Les Demoiselles d’Avignon, dev’esserci anche un grosso Renoir in giro per la città, se non ricordo male. E a dirla tutta una sera suona pure B.B. King, e vuoi saltarti il re del blues? Però voglio fare il turista nerd nella città più nerd che conosco.
Accetto anche suggerimenti.

0 Comments

  1. Aggiungo: la casa di Friends, la casa dei Robinson, la tavola calda in cui Sally finge l’orgasmo, il ristorante di Gordon Ramsay, la pasticceria di Buddy Valastro (il re delle torte!).
    In cambio di queste preziosissime dritte, ti chiedo dove si trovi il graffito di Strummer 🙂
    Blixxxa

    Rispondi

  2. P.s. uno dei miei sogni proibiti è rispondere SI a tutte le domande di rito per il visto. Poi dovrei dire addio alla mia libertà, ma sai che soddisfazione?

    Rispondi

  3. Gli aggiornamenti li lascerò in un altro post, quando ne avrò altri molti, ma per il momento, giusto perché l’ho appena trovato, segnalo Sniffen Court, location della copertina di Strange Days, dei Doors.

    Rispondi

  4. 30 Rockefeller Plaza: il negozio di mechandising della NBC!
    Avrei comprato tutto: dal camice degli assistenti del dottor House alla felpa di Mork e Mindy.
    La cosa più figa era comunque un martelletto come quello del giudice americano che una volta percosso faceva il suono dello stacchetto di Law & Order!!!
    In giro ho beccato anche quello della HBO (Sex & the city, True Blood, ecc.) ma se cerchi anche gli altri sono da vedere assolutamente (CBS, ABC, + tutte le altre via cavo).
    Il prolema è che rischi di comprare tutto!
    Peace brother.

    Rispondi

  5. Ti segnalo anche 2 store di elettronica, molto convenienti e forniti a dire di tutti: Adorama e B&H. Io ho intenzione di comprarci un sacco di materiale fotografico

    Rispondi

  6. Ti ricordo che stai parlando di un pastore della Universal Life Church….
    I Sacri Specchi non possono niente contro il potere della Luce Universale.
    … Peace !

    Rispondi

  7. Da pastore a pastore, ti ricordo che lo sono pure io.
    Anzi, sto valutando di fondare un culto a mia volta, molto più redditizio che
    seguire quelli altrui!!!

    Rispondi

E dimmelo, dai, lo so che ci tieni