il mestiere di vivere

Succede cose da queste parti. Succede, per esempio, che due amici mettano su una casa editrice e mi chiedano di scrivergli una roba, solo che la roba che mi chiedono di scrivere è qualcosa che non mi sarei mai immaginato di dover scrivere, e questo comporta un lavoro diverso dal sedersi alla tastiera e cominciare a pigiare finché c’è idee. Ci vuole una cosa che si chiama pianificazione, e io che non pianifico neanche cosa mettermi per uscire questa cosa mi fa un po’ impressione. Però lo faccio, che ci tengo a dare soddisfazione ai miei amici, e anche a mettermi alla prova scrivendo qualcosa in un modo che non ho mai fatto prima, tirando giù un soggetto e lavorando su quello, invece di inventarmi la storia strada facendo. E’ un modo nuovo per me, l’ho detto, e la cosa ha degli effetti inaspettati, qualcuno positivo, qualcuno meno. Quelli positivi sono evidenti, devo infilare parole in uno spazio che c’è già, ma questo mi porta a considerare sempre il lavoro come "già fatto, basta solo mettermi lì e finirlo, cosa ci vuole? Posso farlo domani", e non vivendo su un’isola deserta con un computer che contenga solo ed esclusivamente word sono soggetto a distrazioni, tipo stare alzato fino alle duemmezza per finire un quadro di Warhammer, o guardarmi quella vaccata incredibile del nuovo film sul Punitore, o leggermi una vecchia storia di Devil, o giocare con la playstation, oppure, ma è raro, fare qualche lavoro di cas, tipo una lavatrice o falciare (ma sarebbe meglio dire strappare) l’erba in giardino.

O andare a cercare un cacciavite e aprire sta cazzo di tastiera che non funziona per cercare di pulirla, o piantarcelo dentro fino a distruggerla definitivamente. Cazzo.

 

Bello questo utilizzo del blog per raccontare un po’ di cazzi miei, tipo il diario elettronico che tenevo durante quegli anni bui in cui sventavo golpe in Nicaragua solo per scoprire che si riformavano uguali il mattino seguente.

Pubblicato da

spassky

Pablog è l'identità segreta di uno scrittore premiato con un paio di nobel alcuni anni fa, ma di cui non si vanta in giro perché il primo l'ha ricevuto per un disguido postale e il secondo come riconoscimento per aver restituito il primo al suo legittimo proprietario. Però un giorno ne riceverà uno per il suo lavoro, ne è certo. Solo che sarà il nobel per la medicina.

5 pensieri su “il mestiere di vivere”

  1. se la smettessi di mangiarci sopra tutti i giorni e di prendere il cane in braccio forse potrebbe funzionare la cazzo di tastiera (l’ho pulita giusto giusto una settimana fa).
    – peli e briciole + tastiere funzionanti!

  2. Hardla: Racconti di fantascienza.

    Seaweeds: Racconti di fantascienza, però porno.

    Roja30: Racconti di fantascienza porno che hanno per protagonisti astronauti sbricioloni che inchiappettano cani marziani.

E dimmelo, dai, lo so che ci tieni