che niente

Che certe volte cominci a scrivere e poi devi piantare lì perché è ora di andare a lavorare, e allora te ne vai, ma ti resta una specie di roba dentro che non sai identificare, e ti fa lavorare con l’umore immerso in una specie di colla appiccicosa, tipo marmellata, e magari un po’ di musica migliorerebbe sensibilmente, solo che la musica al lavoro non ce l’hai, ma a pensarci bene non credi cambierebbe granché, che quando sei di quest’umore lì non lasci finire una canzone, e sei sempre dietro a schiacciare effeeffevudì per sentire se quella dopo ti farà più piacere.

E allora rimandi a quando torni a casa, ma quando torni a casa ci sono altre cose da fare, da dire, da vedere, e viene l’ora di cena, e con la pancia piena quella sensazione si è un po’ attenuata, potresti anche buttarci su un film e sei sicuro che passerebbe, poi ti fai una doccia, te ne vai a dormire, e domani che è festa..

Solo che lo sai come funziona, il libretto delle istruzioni lo conosci a memoria, l’hai scritto tu, se lasci depositare la marmellata domani te la ritrovi impastata alla faccia, e non c’è sapone che tenga, ti inchioda lì a scalpellartela via martellando sulla tastiera, le casse alte che ti piantano note sullo sterno, il cane che ti implora di portarlo a pisciare e tu che gli rispondi in malomodo di tenersela, o almeno di imparare ad aprirsi la porta, che quando ti prende male è male per tutti. E allora lascia che mi metta qui dieci minuti, apra il rubinetto un filo e la lasci venir fuori lentamente, evaporare incolore nella stanza, fintanto che aspetto che la salma finisca il suo fumetto e mi dedichi qualche attenzione.

C’era una volta nel lontano paese senza le virgole un bambino privo di cervello ma con due grossi occhiali colorati che a guardarli da vicino potevano dare l’idea che oltre gli occhi ci fosse qualcosa di misterioso e che la maggior parte delle persone attribuiva a una profonda intelligenza mentre quel bambino sapeva benissimo che dietro i suoi occhi non c’era proprio niente e lo dimostrava il fatto che quando si voltava di scatto gli entrava l’aria dalle orecchie e si sentiva un fischio che al bambino piaceva e certe volte lo faceva apposta per sentir fischiare e quelli che lo vedevano stavano un po’ a pensare se per caso quella sensazione di profonda intelligenza non fosse solo un frutto della loro immaginazione perché un bambino che scrolla la testa così o è stupido perso o ha le spighe nelle orecchie come i cocker però il bambino non se ne curava e soprattutto non se ne curava quel giorno che stava andando a trovare suo nonno che gli aveva promesso di regalargli un cimelio di quando aveva fatto la guerra e il bambino sperava che quel cimelio fosse una porterei perché suo nonno aveva fatto il militare in marina ma non quella americana e difatti su una portaerei non c’era mai salito perché nella marina svizzera dove aveva prestato servizio lui l’avevano imbarcato subito su una capra e l’avevano fatto arrampicare su un monte con una radio e avvisare se vedeva arrivare i tedeschi che attraversavano il confine per andare a fregarsi la cioccolata che quella era la paura più grande per gli svizzeri perché non sapevano che i tedeschi avevano già deciso di invadere il piemonte perché secondo loro la cioccolata della novi era molto più buona e difatti molti anni più tardi un pubblicitario tedesco aveva fatto quella pubblicità dei due alpinisti che si incontrano in montagna e uno assaggia la cioccolata dell’altro e poi gli chiede se è sfizzera e lui gli risponde no novi come avrebbe potuto confermare il bambino che quella pubblicità lì la conosceva benissimo e la raccontava a tutti i suoi compagni di scuola e poi si faceva fischiare le orecchie e loro se ne andavano battendosi un dito sulle tempie ma il bambino non si sentiva mai solo perché quando questo succedeva lui mollava tutto come quel giorno lì e andava a trovare il nonno sperando di farsi finalmente regalare quella benedetta portaerei e non come l’ultima volta che gli aveva regalato una mela e l’aveva fatto andare e lui si era offeso di brutto e la mela gliel’aveva restituita tirandogliela contro la finestra della cucina e il nonno era spuntato e gli aveva gridato mascalzone se ti prendo e il bambino era scappato e ora stava tornando a trovarlo ma non aveva paura della collera del nonno perché il nonno soffriva di alzheimer e dopo venti minuti si era dimenticato tutto anche come si chiamava il bambino che tutte le volte doveva ripetergli che si chiamava Arturo e si sentiva rispondere Arturochi e lui gli diceva Arturo quello che gli devi dei soldi e il nonno scuciva e il bambino era rincoglionito ma aveva capito che facendo così ci poteva guadagnare e infatti piano piano gli stava fottendo tutta la pensione e il conto in banca ed era così estasiato a pensare al suo futuro di bambino ricco con le orecchie che fischiano che non si avvide che dal terreno era saltata fuori chissà da dove una virgola, e lui ci inciampò dentro e cadde battendo la testa e morì.

Pubblicato da

spassky

Pablog è l'identità segreta di uno scrittore premiato con un paio di nobel alcuni anni fa, ma di cui non si vanta in giro perché il primo l'ha ricevuto per un disguido postale e il secondo come riconoscimento per aver restituito il primo al suo legittimo proprietario. Però un giorno ne riceverà uno per il suo lavoro, ne è certo. Solo che sarà il nobel per la medicina.

6 pensieri su “che niente”

  1. Certe volte non ho granché da dire, mi metto lì e scrivo per vedere se qualcosa viene fuori, che poi lo so che qualcosa da dire ce l'ho sempre, solo che magari non so come dirlo, e qualche volta alla fine trovo anche il modo di dirlo, e a quel punto non si nota più che avevo cominciato tanto per cominciare, e son tutti contenti. Un po' come scrivere a qualcuno e firmarsi, poi viene la volta che ti dimentichi e sembra che l'hai fatto apposta perché volevi criticare, e invece ti sei solo dimenticato di dire chi sei, ma oramai l'hai fatto e chi passa e vede dice "eh ma così son buoni tutti".

E dimmelo, dai, lo so che ci tieni