quest’anno voto Gasperini

Nessun calcolo ha nessun senso dietro questa paralisi.

Gli elementi a disposizione non consentono analisi,

e i professori dell’altro ieri stanno affrettandosi a cambiare altare.

Hanno indossato le nuove maschere e ricominciano a respirare.

Bambini venite parvulos, c’è un’ancora da tirare,

issa dal nero del mare, dal profondo del nero del mare.

Che nessun calcolo ha nessun senso e poi nessuno sa più contare.

Legalizzare la mafia sarà la regola del duemila,

sarà il carisma di Mastro Lindo a regolare la fila

e non dovremo vedere niente che non abbiamo veduto già.

Qualsiasi tipo di fallimento ha bisogno della sua claque.

Bambini venite parvulos, c’è un applauso da fare al Bau Bau,

si avvicina sorridendo, l’arrotino col suo Know-How,

venuto a prendere perline e a regalare crack.

Sabbia sulle autostrade, ruggine sulle unghie,

e limatura di ferro negli occhi, terra fra le nostre lingue.

Avrei voluto baciarti amore, ancora un poco prima di andare via.

Prima di essere scaraventati dentro questo tipo di pornografia.

Bambini venite parvulos, vale un occhio il vostro cuore,

mille dollari i vostri occhi, i vostri occhi senza dolore.

Bambini venite parvulos, sangue sotto al sole.

Pubblicato da

spassky

Pablog è l'identità segreta di uno scrittore premiato con un paio di nobel alcuni anni fa, ma di cui non si vanta in giro perché il primo l'ha ricevuto per un disguido postale e il secondo come riconoscimento per aver restituito il primo al suo legittimo proprietario. Però un giorno ne riceverà uno per il suo lavoro, ne è certo. Solo che sarà il nobel per la medicina.

E dimmelo, dai, lo so che ci tieni